SEGRETARIATO ATTIVITA' ECUMENICHE

gruppo di  Cosenza

ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO
A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO


21 gennaio 2018A Cosenza, presso il Seminario Italo Greco Albanese, si è appena conclusa la settimana di commemorazione di Giorgio Kastriota Skanderbeg in occasione del 550° anniversario della sua morte avvenuta il 17 gennaio del 1468. "Java e Skanderbekut", la settimana di Skanderbeg, ha previsto tre appuntamenti in cui la comunità arbéreshe di Cosenza e dell'Eparchia si è riunita per ricordare e celebrare il suo eroe, conosciuto per aver difeso la terra dell'Albania dall'invasione dell'esercito ottomano del XV° secolo.

Domenica 14 gennaio si sono esibiti in concerto il gruppo canoro "Moti i Paré" di Lungro insieme al cantautore e chitarrista Santino de Bartolo di Firmo, eseguendo canti fra i più belli e commoventi della tradizione arbéreshe.

Il 17 gennaio Papas Pietro Lanza, parroco della parrocchia bizantina "Santissimo Salvatore" di Cosenza, nonché Rettore del Seminario Italio Greco Albanese e Vicario Generale dell'Eparchia di Lungro, ha celebrato la Divina Liturgia in suffragio di Skanderbeg e ha poi deposto una corona di fiori sul busto dedicato all'eroe sito nella vicina Via Plebiscito.

Infine domenica 22 gennaio, nello stesso Seminario, ha avuto luogo un "Reading Concert" di Pino Cacozza, originario di San Demetrio Corone, autore del romanzo "La terra di Yll". E' intervenuto anche Ernesto Iannuzzi cantautore arbéresh di Firmo.

La Settimana dedicata a Skanderbeg, insieme a molte altre iniziative, si inserisce in una serie di manifestazioni che conducono verso la celebrazione nel 2019 del 1° centenario della Eparchia greco-bizantina-cattolica di Lungro.

L'Eparchia di Lungro, istituita nel 1919 per gli italo albanesi cattolici di rito bizantino dell'Italia continentale, ricopre un ruolo particolare nel campo dell'ecumenismo. Il popolo italo albanese, accolto e pienamente inserito nella chiesa cattolica, prega in lingua greca seguendo l'antica tradizione liturgica orientale e, respirando con i suoi "due polmoni", la Chiesa bizantina cattolica diventa un ponte tra oriente e occidente, favorendo l'avvicinamento tra le due realtà ecclesiali.

In preparazione del primo centenario dell'Eparchia di Lungro si terrà una conferenza nel Seminario Italo Greco Albanese di Cosenza il 25 gennaio su "Il Concilio di Firenze". Relazionerà Padre Roberto Giraldo ofm, docente di ecumenismo presso l'Istituto di Studi Ecumenici "San Bernardino" di Venezia.

         Privacy Policy

Vai al sito del SAE nazionale
www.saenotizie.it

sito aggiornato al 03 07 2019